FANDOM


(Aggiunte categorie)
Riga 4: Riga 4:
   
 
In Dragon Ball GT, nell' inferno, insieme al Dr. Myuu idea il cyborg perfetto allo scopo di uccidere Goku, facendo fondere insieme due C-17, e ottenendo così Super C-17. Ironicamente, quest'ultimo lo uccide nuovamente, su ordine del Dr. Myuu.
 
In Dragon Ball GT, nell' inferno, insieme al Dr. Myuu idea il cyborg perfetto allo scopo di uccidere Goku, facendo fondere insieme due C-17, e ottenendo così Super C-17. Ironicamente, quest'ultimo lo uccide nuovamente, su ordine del Dr. Myuu.
  +
[[Categoria:Cattivi di Dragon Ball]]
  +
[[Categoria:Cattivi dei fumetti manga]]
  +
[[Categoria:Cattivi dei cartoni animati e anime]]

Revisione delle 08:52, mar 10, 2018

Dr. Gelo

Dr. Gelo (ドクター・ゲロ, Dr. Gero) è un personaggio della serie di manga e anime Dragon Ball. Compare a partire dalla seconda serie, Dragon Ball Z. Unico sopravvissuto dell'esercito del Red Ribbon distrutto da Goku quando era ancora un bambino, il dottor Gelo passa tutto il resto della sua vita a cercare un modo per vendicarsi di Goku ed eliminarlo. Grazie alla sua genialità costruisce molti cyborg per raggiungere il suo scopo, e lui stesso si fa trasformare in cyborg da uno di loro, diventando C-20. Durante lo scontro con i compagni di Goku viene sconfitto da Piccolo, ma riesce a fuggire verso il suo laboratorio e a riattivare i cyborg C-17 e C-18 che però gli si rivoltano contro e lo uccidono, attivando a loro volta il più potente C-16. La creazione migliore del Dr. Gelo è Cell.

In Dragon Ball GT, nell' inferno, insieme al Dr. Myuu idea il cyborg perfetto allo scopo di uccidere Goku, facendo fondere insieme due C-17, e ottenendo così Super C-17. Ironicamente, quest'ultimo lo uccide nuovamente, su ordine del Dr. Myuu.

*Nota: Alcuni dei link qui sopra sono link affiliati, ciò significa che, senza costi aggiuntivi, Fandom riceverà una commissione nel caso tu decidessi di cliccare e fare un acquisto. I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.