FANDOM


“ Qualsiasi costo, qualsiasi .... Bond deve morire. “

~ Gli ordini di Kananga di uccidere Bond.

Kananga Profil

Bonaparte Ignace Gallia, noto comunemente come Dr. Kananga, è il principale antagonista del film di James Bond del 1973 Live and Let Die. Il dottor Kananga è il dittatore di San Monique e quindi ha alcune immunità diplomatiche negli Stati Uniti, che gli permettono facilmente di contrabbandare droghe nel paese sotto lo pseudonimo di Mr. Big, un capo di banda di Harlem.

Nel film è stato interpretato da Yaphet Kotto.

StoriaModifica

Spiato da BondModifica

Kananga attira l'attenzione dell'MI6 quando tre agenti britannici vengono uccisi mentre indagano sulla sua attività. Un agente viene ucciso durante una riunione dell'ONU, uno a New Orleans e uno a San Monique. Quando il servizio segreto britannico invia Bond per investigare su Kananga, Bond si recherà a New York, dove Kananga dovrebbe arrivare più tardi. Tuttavia, Kananga viene avvertito dell'arrivo e delle intenzioni di Bond da parte della medium Solitaire. Per sbarazzarsi di Bond, Kananga manda il suo scagnozzo Whisper , che spara all'autista della macchina di Bond mentre è in autostrada. Tuttavia, Bond riesce ad afferrare il volante e arriva in sicurezza.

Kananga, che ha lasciato l'ONU ed è tornato all'ambasciata, sa che è stato sorvegliato e che il suo ufficio è molto probabilmente sotto controllo. Per ingannare la CIA, Kananga avvia la riproduzione di un nastro precedentemente registrato in cui detta una lunga lettera nazionalistica. Lui ei suoi associati cambiano quindi i vestiti e lasciano l'ambasciata attraverso un'uscita nascosta nel suo ufficio. Pensando che Kananga è ancora nel suo ufficio, Felix Leiter chiama Bond e gli dice di andare dietro a Whisper, la cui auto si trova in un negozio di voodo nelle vicinanze. Seguendo Whisper in un parcheggio, Bond viene disturbato dall'arrivo di Kananga e dei suoi uomini, che entrano in auto e partono, inseguiti da Bond.

Bond segue l'auto in un taxi, ignaro che le spie di Kananga informino Kananga delle sue mosse. Arrivato ad Harlem, Bond vede la macchina di Kananga davanti al ristorante Fillet of Soul ed entra. Il tassista, anche lui una spia di Kananga, informa il suo capo che Bond sta arrivando.

Incontrare Bond come Mr. BigModifica

“ I nomi sono per le pietre tombali, baby. Portate fuori questo bel fusto e uccidetelo. Adesso! “

~ Kananga come Mr. Big

Nel ristorante, Bond è seduto a un tavolo contro il muro. Mentre aspetta il suo drink, Bond cerca di corrompere il cameriere per avere informazioni, ma il muro e il tavolo girano, portando Bond in una stanza segreta. Lì, tre scagnozzi armati lo attendono, dicendogli che Mr. Big si prenderà presto cura di lui. Bond parla brevemente con Solitaire, prima che arrivi il braccio destro di Big, Tee Hee, e chiede a Solitaire se Bond è armato. Solitaire guarda nelle carte e lo conferma, e Tee Hee disarma Bond con l'artiglio di metallo che ha come mano destra.

MrBig-0

Il dottor Kananga come capo della gang, Mr. Big.

Bond viene quindi portato davanti a Kananga, che indossa una maschera di lattice e posa come Mr. Big. Come parte del suo travestimento, Big chiede a Solitaire se Bond è quello che li ha seguiti dai quartieri alti. Bond cerca di presentarsi ma Big lo guarda solo brevemente e poi dice ai suoi uomini di portare Bond fuori e ucciderlo. Quindi lascia la stanza.

Due scagnozzi poi portano Bond in un vicolo laterale abbandonato, dove Bond li fa fuori rapidamente. Poi arriva un altro uomo, che tiene la pistola contro Bond ma l'uomo si rivela essere un agente della CIA. Entrambi gli uomini, insieme a Felix Leiter, si chiedono poi come Kananga e Mr. Big si incontrano. Raccontando agli agenti che Kananga sta per lasciare gli Stati Uniti e tornare a San Monique, Leiter invia Bond dietro di lui.

Impostazione di un'altra trappolaModifica

“ Questa crescente dimensione di impertinenza comincia a disturbarmi, Solitaire. Anche come hanno fatto con tua madre prima di te. Ha avuto il potere e l'ha perso, è diventata inutile per me. Non farai lo stesso errore, Solitaire. Dov'è Bond adesso? “

Sapendo che Bond è arrivato a San Monique, Kananga manda Whisper con un serpente avvelenato e con Rosie Carver, agente della CIA, dietro Bond. Tuttavia, a causa di un avvertimento inviato da Solitaire, Bond si rende conto che Rosie è falsa e che è anche in grado di uccidere il Serpente. Il giorno seguente, Bond e Rosie andarono al punto dove è stato ucciso l'agente della CIA. Ancora una volta, Kananga viene avvertito da Solitaire, che ha confinato in un palazzo isolato, sull'arrivo di Bond sull'isola. Quindi chiede a Solitaire del futuro. Quando disegna la carta "gli amanti", una carta che Bond ha richiamato nel loro precedente incontro, Solitaire si ferma per un momento. Kananga si rende conto di questo e le chiede se la carta significasse la morte. Solitaire va con la menzogna e lo conferma. Kananga chiama i suoi scagnozzi, dicendo loro di prepararsi e che Rosie sa cosa fare.

Alla fine, confrontandosi con Rosie, Bond rivela che sa che lavora per Kananga. Tenendola sotto tiro, cerca di costringerla a cedere le informazioni. Tuttavia, quando Rosie vede un totem di voodo, è profondamente spaventata anche se Bond crede che sia una recita. Piuttosto che rischiare Bond rispetto a Kananga, Rosie cerca di scappare. Tuttavia, viene colpita da una pistola nascosta all'interno dei totem su ordine di Kananga. Dopo la morte di Rosie, Kananga si reca nel palazzo di Solitaire per scoprire cosa è andato storto. Dicendole che era stata posta la trappola e che lei aveva visto la morte, le chiese come poteva sopravvivere Bond. Solitaire gli dice che la morte che ha visto deve essere stata di Rosie e che non può essere ritenuta responsabile per le interpretazioni errate di Kananga se non riesce a porre domande specifiche. Kananga le dice che la sua crescente impertinenza lo disturba. Le ricorda cosa è successo a sua madre quando ha perso il suo potere ed è diventata inutile. Poi chiede dove sia Bond adesso, ma Solitaire non può rispondergli. Lei gli dice che non può vedere quando la tratta così, quando la cosa diventa poco chiara. La confina nelle sue stanze, dicendole che lo ha fatto arrabbiare e non vuole esserlo. Dopo che Solitaire è andata, parla con Tee Hee.

Di notte, Bond si infiltra nel palazzo di Solitaire e la seduce. Dormendo con lei, perde il suo potere e diventa inutile per Kananga.

Catturare BondModifica

Quando Solitaire sta per portare Bond nel campo di eroina di Kananga, che è protetto da grandi reti mimetiche, Kananga è avvisato. Dice ai suoi uomini di uccidere Bond se trova il campo, ma Bond è in grado di sfuggire a tutti gli inseguitori. Ora consapevole che Kananga contrabbanda l'eroina, Bond viaggia a New Orleans perché un altro agente è stato ucciso lì. Tuttavia, mentre sono in taxi, vengono rapiti dall'autista, che è lo stesso di New York. Li porta in un aeroporto, dicendo loro che Mr. Big vuole vederlo perché ha rubato qualcosa a un amico di Big. Tuttavia, Bond è in grado di sconfiggere gli uomini di Kananga e ritorna a Felix Leiter. Solitaire rimane comunque indietro.

A New Orleans, Leiter e Bond entrano nel Fillet of Souls, ignari che l'agente che avrebbero dovuto incontrare lì era stato ucciso. Ricordando la sua ultima avventura in un ristorante della catena Fillet of Soul, Bond rinuncia un tavolo al muro, scegliendo invece uno al centro della stanza. Felix viene quindi chiamato via con il pretesto di una telefonata dell'agente deceduto e Bond, a fianco del tavolo, viene abbassato nel terreno, diventando di nuovo vittima delle trappole di Kananga.

Rivelando il suo piano malvagioModifica

“ Abbastanza rivelatore. Kananga, che coltiva migliaia di ettari di papavero in campi ben mimetizzati, protetti dalla minaccia voodoo del barone Samedi. E come Mr. Big, distributore e grossista attraverso una catena di ristoranti Fillet of Soul. “

~ Bond riassume il piano di Kananga

Bond atterra in una stanza in cui viene salutato da Tee Hee, Mr. Big e Solitaire. Big gli dice che prendendo Solitaire con lui Bond ha rubato qualcosa di estremamente prezioso dal suo buon amico Kananga. Big poi dice a Bond che mentre ha dei piani con Bond, all'inizio c'è una domanda a cui deve rispondere a Kananga. Bond replica che in quel caso Big dovette rispedirlo a San Monique, poiché Bond non avrebbe risposto ai lacchè. Anche se Big con rabbia chiede a Bond se ha toccato Solitaire, Bond afferma che risponderà a questa domanda solo a Kananga, con l'intenzione di guadagnare tempo.

Tuttavia, Big strappa la sua faccia, rivelando che era solo una maschera. Questo fa sì che Bond possa finalmente realizzare il piano di Kananga: Kananga coltiva eroina su San Monique e la vende come Mr. Big, ottenendo così il massimo profitto. Tuttavia, Kananga ride, dicendogli che non venderebbe eroina per soldi. Bond commenta sarcasticamente che Kananga sicuramente la cederebbe, ma Kananga conferma che questo è esattamente ciò che intende: distribuendo 2 tonnellate di eroina libera, ha intenzione di escludere ogni concorrente dal business e di raddoppiare il numero di tossicodipendenti. A quel punto, spingendo verso l'alto il prezzo dell'eroina, intende fare una fortuna.

Dopo aver rivelato il suo piano, torna alla sua domanda iniziale, se Bond fosse andato a letto con Solitaire. Quando Bond rifiuta di rispondere per gentilezza, Kananga intende scoprire un altro modo. Fa strappare da Tee Hee l'orologio di Bond, che Tee Hee porta poi a Kananga. Kananga poi dice a Tee Hee di tagliare il dito di Bond sulla prima risposta sbagliata di Solitaire, procedendo ad altri organi vitali con ogni risposta sbagliata. Poi legge un numero di registrazione dalla parte posteriore dell'orologio di Bond e chiede a Solitaire se ha detto la verità. Solitaire, solo in grado di indovinare, dice a Kananga che ha detto la verità, e Kananga dice a Tee Hee di lasciare andare Bond, restituendogli anche l'orologio. Tuttavia, Tee Hee stende Bond con il suo braccio di metallo. Whisper arriva nella stanza e viene detto da Kananga di portare Bond alla fattoria.

Confronto con SolitaireModifica

Dopo che se ne sono andati, Samedi , con indosso abiti più moderni, entra nella stanza. Solitaire chiede quindi a Kananga quando torneranno a San Monique. Kananga le dice che torneranno presto, ma poi chiede a Solitaire perché lo abbia tradito, rivelando che il numero che ha letto è sbagliato, e le ha anche dato una possibilità di cinquanta per cento. Vuole sapere perché lo ha tradito anche se le ha dato tutto e non le è mancato niente. Lei gli dice che le carte l'hanno previsto. Lui con rabbia la schiaffeggia a terra, dicendole che a suo tempo avrebbe dato il suo amore e che lo sapeva. Dice che c'è un solo modo appropriato per affrontare questo tradimento, al quale Samedi disegna la carta dei tarocchi "Morte".

In seguito prevede che Solitaire sarà giustiziata dal barone Samedi in stile voodo su San Monique. Tuttavia, Bond, che si è infiltrato nell'isola, uccide apparentemente Samedi e salva Solitaire.

Catturare Bond nella base sotterraneaModifica

“ Affogare, signor Bond? Dubito che tu abbia avuto la possibilità di affogare ... “

~ Kananga rivela la sua intenzione di dare da mangiare Solitaire e Bond agli squali

KanangaWater

Kananga e Bond combattono nell'acqua.

Da un ascensore nascosto usato da Samedi entrano nella base sotterranea di Kananga, dove i due vengono rapidamente catturati e portati davanti a Kananga, che nonostante l'intervento di Bond celebra il suo successo. Kananga rivela a Bond che hanno trovato la sua muta sulla spiaggia e che quindi lo stavano aspettando. Riconosce che Bond ha fatto esplodere parte della sua eroina ma rivela che ce n'è più che abbastanza, dato che Bond ha fatto solo un piccolo danno. Poi prende la pistola di Bond, ammettendo che è molto incuriosito da ciò. Chiede a Bond cosa fa e Bond gli dice che si tratta di una pistola spara squalo che spara pallet di gas compressi.

Kananga ride e punta la pistola verso il divano a cui è seduto Whisper, facendolo gonfiare e alla fine esplode. Kananga è molto divertito, definendo l'arma geniale. Poi prende in mano il pallet di gas, ma Bond lo avverte di immischiarsi, dato che l'aria all'interno è già "abbastanza sporca". Kananga risponde che non avrebbe mai pensato che Bond sarebbe stato un cattivo perdente, affermando che si aspettava che Bond avrebbe bevuto con lui per il successo della sua operazione.

Pianificando di liberarsi di Bond, Kananga lega Solitaire e l'agente a un argano normalmente utilizzato per trasportare l'eroina. Bond, aspettandosi che l'argano si abbassi nell'acqua sottostante, afferma che sicuramente ci deve essere un modo più efficiente di affogare qualcuno. Kananga dice che difficilmente avranno la possibilità di affogare. Poi taglia Bond sul braccio, quel tanto che basta per attingere il sangue. Wisper inizia quindi ad abbassare l'argano in acqua e apre un cancello subacqueo, attraverso il quale entrano gli squali. Con il dispositivo magnetico nascosto nel suo orologio, Bond ottiene il pallet di gas con cui Kananga ha giocato prima. Bond usa anche il suo orologio per liberarsi dalle corde. Saltando a terra, corre verso Kananga. Whisper cerca di avvertire il suo padrone, ma a causa della sua voce bisbigliante, Kananga non riesce a sentirlo. Bond fa cadere Whisper in una delle capsule di metallo a tenuta d'aria usate per tenere asciutta l'eroina e impegna Kananga. Durante la loro lotta, entrambi gli uomini cadono in acqua.

Sott'acqua, Bond obbliga Kananga a ingoiare il pallet di gas, facendo gonfiare Kananga enormemente prima di esplodere.

CuriositàModifica

  • Sebbene non sia stato utilizzato nell'adattamento cinematografico di Live and Let Die, lo schema di Mr. Big dei libri viene riutilizzato nel film License to Kill del 1989. Invece di contrabbandare monete d'oro, però, Franz Sanchez contrabbandava la droga. Altre parti del romanzo Live and Let Die sono anche usate in License to Kill, inclusa la scena del magazzino e Bond uccide The Robber per aver dato da mangiare Felix Leiter a uno squalo.

GalleryModifica

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.