FANDOM


Spang Bros..jpeg

Jack e Seraffimo Spang (conosciuti anche come i fratelli Spang ) sono i principali antagonisti del romanzo di Ian Fleming del 1957, Diamonds are Forever . Insieme gestiscono un'organizzazione criminale chiamata Spangled Mob e sono coinvolti nel contrabbando di diamanti.

Biografia romanzoModifica

I fratelli gemelli Jack e Seraffimo Spang sono controllori del "Spangled Mob"; un sindacato criminale che opera ampiamente negli Stati Uniti . Insieme i fratelli stabiliscono un "gasdotto" per il contrabbando di diamanti che va dall'Africa al Nord America.

Sotto lo pseudonimo di "Rufus B. Saye", Jack Spang gestisce la filiale londinese di House of Diamonds , un importatore / esportatore di gemme acquistato dai fratelli cinque anni prima del romanzo. Le domande casuali, tuttavia, rivelano che "Saye" conosce poco delle pietre reali. Spang supervisiona anche le operazioni di contrabbando della Spangled Mob, dando istruzioni al contrabbandiere Tiffany Case e ai capi esecutori della Spangled Mob, Wint & Kidd , sotto l'identità di "AB C."

Serrafimo Spang opera da Las Vegas , dove la Spangled Mob è proprietaria del Tiara Hotel e del casinò. Le sue attività criminali lo resero estremamente ricco e usò parte del ricavato per acquistare due città fantasma al di fuori di Las Vegas e una locomotiva per correre tra loro.

Mentre James Bond si atteggia a un contrabbandiere di diamanti per infiltrarsi nella Spangled Mob, la sua copertura è saltata e viene catturato dagli uomini di Serrafimo. Spang ordina ai suoi principali esecutori, Wint e Kidd, di sconfiggere Bond, ma scappa con l'aiuto di Tiffany Case.

Bond insegue Serrafimo sul treno e gli spara a una gamba prima di scappare su un carrello della miniera con Tiffany. Il treno di Serrafimo poi deraglia, a causa della sua gamba ferita.

Dopo la morte di Seraffimo, Jack ordina a Wint e Kidd di uccidere James Bond e Case in un viaggio oceanico dagli Stati Uniti a Londra, e inizia a chiudere l'operazione di contrabbando uccidendo gli operatori. Jack Spang viene ucciso alla fine del romanzo quando Bond abbatte il suo elicottero.

Dietro le quinteModifica

Jeremy Black ha criticato il personaggio di Spang come un cattivo inaffidabile rispetto a molte delle creazioni di Fleming: Black lo definisce "poco più di un cappuccio efficace" e nota la mancanza di megalomania o altre stranezze della personalità interessanti. La Rough Guide to James Bond ha critiche simili, lamentandosi delle rare apparizioni di Spang e delle sue banali motivazioni per diventare ricco.

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.