L'imperatore

L'imperatore, è l'attuale monarca dell'impero. A causa della sua giovane età, egli si fa influenzare dalle parole del primo ministro Honest, che lo usa come un burattino per i propri scopi, andando a contribuire al decadimento e alla corruzione che aleggiano nella capitale.

Aspetto[modifica | modifica sorgente]

L'imperatore è un ragazzino di bassa statura, con i capelli verdi e gli occhi di altrettanto colore. Indossa l'abbigliamento tipico della famiglia reale, che comprende un abito viola, rivestito da un mantello blu e un largo copricapo. Porta con sé anche uno scettro dorato.

Personalità[modifica | modifica sorgente]

Sebbene non lo si possa definire come malvagio, l'imperatore presenta comunque un carattere debole, insicuro e facilmente influenzabile. Questo lo rende quindi uno strumento nelle mani del primo ministro, di cui lui si fida cecamente, diventando così incapace di distinguere il bene dal male e senza rendersi conto delle condizioni misere in cui sono costretti a sottostare gli abitanti, sebbene sia nelle sue intenzioni portare l'impero verso un futuro radioso. Egli esegue qualsiasi consiglio del ministro, per quanto crudele esso sia, andando così ad aggravare la situazione dell'impero, e inoltre nell'anime si dimostra ostinato nel voler mantenere il suo posto sul trono, senza riconoscere i propri sbagli.


Armi e abilità[modifica | modifica sorgente]

Essendo l'imperatore, egli ha il controllo dell'esercito dalla capitale (almeno ufficialmente), e solo nell'anime, è in possesso del Teigu Shikoutazer, una potentissima arma, che può essere controllato solo da un individuo di discendenza imperale, con le sembianze di una gigantesca e resistente armatura, capace di sparare raggi di energia dal corpo.

*Nota: Alcuni dei link qui sopra sono link affiliati, ciò significa che, senza costi aggiuntivi, Fandom riceverà una commissione nel caso tu decidessi di cliccare e fare un acquisto. I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.