FANDOM


250px-Skarlet renderfinal
Skarlet è un personaggio della serie di videogiochi Mortal Kombat. Come armi utilizza kozuka e kunai.

Storia Modifica

Skarlet è un personaggio nato come bug in Mortal Kombat II e reso ufficiale in Mortal Kombat. Si sa ben poco su di lei a parte che è stata creata da Shao Kahn con il sangue dei suoi nemici e che sia stata intrappolata nelle viscere del NetherRealm per numerosi anni. Nel suo finale in Mortal Kombat (videogioco 2011), ella uccide Shao Kahn, ma liberatasi dalla magia di Quan Chi, si rende conto del suo unico scopo: distruggere l'Outworld. Perciò, dopo aver assorbito il sangue di Shao Kahn che la rende praticamente invincibile, Skarlet si rivolta contro Quan Chi. Le sue armate della Fratellanza dell'ombra vengono facilmente sconfitte, e Skarlet si scontra con Quan Chi, riuscendo a sconfiggerlo e a ucciderlo. Ella poi scompare nelle ombre, in attesa della rinascita di Shao Kahn.

Mosse Finali Modifica

  • Blood Bath (Fatality): Skarlet prende uno dei suoi due wakizashi e infilza lateralmente la testa all'avversario, poi con l'altra lama gli taglia la gola, lasciandosi sporcare la faccia di sangue. (MKIX)
  • Make it Rain (Fatality): Skarlet si infilza con un wakizashi, poi si trasforma in una pozzanghera di sangue avvicinandosi allo sconfitto. Dal basso compaiono quattro lunghe colonne vertebrali insanguinate che infilzano l'avversario sollevandolo a due metri da terra. Skarlet appare poi sotto l'avversario, gli taglia lo stomaco e si fa bagnare di sangue. (MKIX)
  • Baby need Blood (Babality): Skarlet diventa una bambina con uno zaino sulle spalle. Dallo zaino prende una bottiglia di latte, ma lo butta via, per poi prendere un'altra bottiglia con dentro del sangue, che beve con gusto.

Apparizioni Modifica

  • Mortal Kombat II (errore di programmazione giocabile attraverso Kitana)
  • Mortal Kombat (2011) (DLC)

Galleria Modifica

Skarlet MK9
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.