FANDOM


Solitaire

Solitaire è un antagonista di supporto diventato l'eroina principale del film di James Bond Live and Let Die.

È stata interpretata da Jane Seymour.

StoriaModifica

Solitaire è una sensitiva al servizio del dott. Kananga. Mentre James Bond viaggia a New York in aereo, Solitaire descrive il suo viaggio al Dr. Kananga attraverso l'uso di carte dei Tarocchi. L'unico neo della sua abilità è che lei deve rimanere vergine per preservarla.

Dopo che Bond ha seguito Kananga al ristorante Fillet of Soul, incontra Solitaire. Dopo un incontro piuttosto breve con Mr. Big, Bond chiede a Solitaire del suo futuro. Quando viene istruito a prendere una carta, Bond commenta ironicamente "noi?" Dopo aver raccolto la carta degli amanti.

Quando Bond e Rosie Carver visitano San Monique, Solitaire racconta a Kananga il futuro, ancora una volta scegliendo la carta degli amanti nei confronti di Bond. Più tardi quella sera, Bond torna sull'isola. Dopo aver convinto Solitaire sono destinati ad essere amanti, con le probabilità impilate a suo favore, Bond riesce a sedurla. Dopo aver perso la verginità con Bond attraverso il loro rapporto sessuale, Solitaire perde il suo potere psichico, che mette in pericolo la sua vita. Bond scopre che Kananga nasconde vaste aree di campi di papaveri. Bond e Solitaire sfuggono agli uomini di Kananga, fuggendo nella barca di Quarrel Jr.

Dopo essere arrivati ​​a New Orleans, Bond e Solitaire vengono catturati e portati a Mr Big. Prima che Bond possa ricevere la sua lezione di paracadutismo senza paracadute, riesce a fuggire. Solitaire viene riconquistata dagli scagnozzi di Kananga e riportata a lui.

Mentre interrogava Bond al Fillet of Soul, Kananga chiede di sapere se ha dormito con Solitaire. Quando 007 rifiuta di rispondere, Kananga decide di scoprire da solo mettendo alla prova i poteri psichici di Solitaire. Prendendo l'orologio di Bond, legge quello che afferma essere il suo numero di registrazione e chiede a Solitaire di confermare se sta dicendo la verità. Dopo qualche esitazione, lei risponde, "Dici la verità", spingendo Kananga apparentemente soddisfatto a liberare Bond. Inizialmente sollevata dalla sua scampata fuga, apprende presto di aver risposto in modo errato. Quando Kananga chiede perché si è lasciata sedurre da Bond, Solitaire protesta dicendo che le carte avevano parlato e che non aveva scelta in merito. Immobile, la schiaffeggia sul pavimento, la condanna a morte e la consegna al barone Samedi.

Dopo un raid sul Fillet of Soul, Felix Leiter informa Bond che Kananga ha portato Solitaire a San Monique, lasciando dietro di sé tre carte dei Tarocchi: la Sacerdotessa, la Luna e la Morte. Arrivando a San Monique, dove è già in corso una cerimonia di voodoo, Bond guarda come Solitaire viene portata fuori per il sacrificio. Legata a un altare, osserva impotente mentre una allegra Dambala la minaccia con lo stesso serpente che uccide lo sfortunato Baines. Tuttavia, poco prima che possa infliggere il morso fatale, Bond interrompe la cerimonia, spara a Dambala morto e salva Solitaire. Mentre tenta di fuggire, Bond e Solitaire si fanno strada attraverso un passaggio sotterraneo, che alla fine li conduce a Kananga e Whisper.

I due sono legati e lasciati per essere mangiati dagli squali, ma Bond riesce a liberarsi e sconfiggere Kananga, permettendo alla coppia di scappare ancora una volta.

Più tardi, sul treno, batte Bond a gin rummy e cerca di passare una notte tranquilla prima che Tee Hee la intrappoli nel letto, credendo che sia stato Bond a farlo. Dopo che Bond ha ucciso Tee Hee, la salva dal letto e presto pomiciano.

CuriositàModifica

  • Lei è una delle tante cattive di Bond a cambiare parte a metà del film, anche se è una delle poche ad essere ingannevole.
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.