FANDOM


Cave troll

I Troll della Caverna sono mostri umanoidi estremamente grandi basati sui troll del mito e degli orchi, appaiono in Il Signore degli Anelli come antagonisti minori - sia nel libro che nelle serie di film.

Ruolo

Nella versione del libro La Compagnia dell'Anello ci sono molti troll delle caverne. Il primo troll da caverna è combattuto da Frodo che ha pugnalato il piede, ma il troll non viene ucciso. I troll sono descritti come dotati di braccia lunghe, scaglie verde scuro e piedi senza dita. Presto, altri due troll delle caverne lanciano due grossi massi per formare un ponte in modo che il Balrog possa passare.

Nella versione del film di Peter Jackson del 2001, c'è un troll da caverna che viene ucciso dai membri della Compagnia che lanciano e incidono il troll delle caverne senza alcun risultato finché Legolas non lo invia con una freccia. La freccia entra nel tetto della sua bocca e va dritto attraverso il cervello del troll, emergendo dalla parte posteriore della sua testa dopo essere rimasto bloccato nel grosso cranio del troll. Nel film realizzato da Peter Jackson il troll delle caverne è animato al computer. I suoi movimenti sono stati eseguiti da Randall William Cook, con indosso una tuta per la cattura del movimento. Ha anche un insieme di narici situato più in alto dello spazio tra i suoi occhi, facendo sembrare il suo naso quasi come un "terzo occhio".

Nel film animato di Ralph Bakshi, il troll delle caverne ha una parte piuttosto irrilevante. Gandalf dice " Orchi e qualcos'altro! Penso che un grande troll delle caverne!" quando vede gli orchi attraverso la porta est. Boromir chiude quindi i cancelli, ma vengono aperti da una grande creatura coperta interamente di pelo a parte le mani e i piedi (presumibilmente il troll delle caverne). Dopo questo, Frodo salta verso la creatura, pugnalandola attraverso il piede, gridando "Per la Contea!" mentre lo fa, facendolo fuggire.

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.